Home page | Chi siamo | Obiettivi | Partner | Link consigliati | Eventi | Convenzioni | Libri | Pubblicazioni | Privacy



E-mails: redazione@odontoiatra.it contatti@odontoiatra.it

DETTAGLIO TECNICHE

Ingrandisci



Dimensione caratteri Diminuisci le dimensioni del carattere Reimposta le dimensioni del carattere Aumenta le dimensioni del carattere L'effetto del design delle viti sulla performance della sigillatura del sistema impiantare

L'integrità della giunzione e della sigillatura, impianto-pilastro ha una rilevanza clinica significativa visti i potenziali danni associati a una sigillatura inferiore, come le microinfìltrazioni. Il design della vite del pilastro è un fattore determina

Caratterizzare la robustezza della sigillatura della IAJ dei sistemi implantari sottoposti a carico dinamico con viti del pilastro in titanio e Gold-Tite.

L’apice degli impianti di prova Certain Prevail® da 4/3,4 mm (n=5) è stato modificato per avere un dispositivo appuntito e un foro diritto. Gli impianti sono stati inseriti in un blocco fenolico da 3,0 mm sopragengivale e l'impianto è stato collegato a una pompa peristaltica da 7 psi contenente colorante rosso. Un pilastro GingiHue® e una vite in titanio sono stati assemblati con i 20 Ncm previsti di torque. Il blocco è stato montato 20° fuon asse in un contenitore con acqua pulita e la IAJ è stata ingrandita di 50 volte con una videocamera.

Il sistema è stato caricato ciclicamente a 100 N per 100.000 cicli a 30 Hz. Dopo questa fase di usura la pompa è stata attivata e la frequenza ridotta a 2 Hz per 1.000 cicli per monitorare la IAJ. Le routine di monitoraggio dell’usura sono state incrementate in fasi di carico da 50 N, fino a che si verificava la rottura e i componenti del sistema venivano esaminati per individuare danno da infiltrazione e/o frattura. Una nuova vite in titanio veniva assemblata e la prova veniva nuovamente eseguita al carico di rottura precedente. Alla rottura i componenti venivano riesaminati per individuare il danno e la prova veniva ripristinata al carico di rottura precedente utilizzando la vite Gold-Tite.

Tutti i campioni hanno mostrato un insuccesso a causa di una “rottura pura” alla IAJ, il che significa che nessun componente ha avuto infiltrazioni e/o fratture. La vite iniziale in titanio ha prodotto valori di resistenza della sigillatura che si attestavano su 500 N e la seconda vite non ha evidenziato un miglioramento nella robustezza della sigillatura. L’uso della vite Gold- Tite® ha aumentato la resistenza media della sigillatura a 780 N.

È stato sviluppato un metodo di valutazione della robustezza della sigillatura dei sistemi implantari sottoposti a condizioni di carico clinicamente rilevanti. La vite Gold-Tite ha dimostrato un miglioramento significativo rispetto al titanio, che indica che un precarico supplementare generato va a vantaggio dell’integrità della sigillatura.


Odontoiatra.it

Autore: Odontoiatra.it

Odontoiatra.it
P.IVA 01550940793
created by: WIREX