Home page | Chi siamo | Obiettivi | Partner | Link consigliati | Eventi | Convenzioni | Libri | Pubblicazioni | Privacy



E-mails: redazione@odontoiatra.it contatti@odontoiatra.it

DETTAGLIO ARTICOLI

Ingrandisci



Dimensione caratteri Diminuisci le dimensioni del carattere Reimposta le dimensioni del carattere Aumenta le dimensioni del carattere I denti da latte, siamo sicuri di saperne abbastanza?

I denti da latte sono i primi denti a comparire destinati poi a cadere. L’essere umano ha due dentature, quella da latte o decidua e quella permanente. I denti da latte vengono chiamati cosi per il loro colore molto bianco, questi sono 20, ( di numero inferiore rispetto alla dentatura permanente che è di 32 ).

E' molto importante conservare i denti da latte del vostro bambino. In pratica, il dentino perso viene congelato e conservato a basso costo per oltre vent’anni. In attesa che la ricerca sulle cellule staminali dica come e quando poterlo riutilizzare per creare nuovi tessuti e nuovi denti. Limitando sempre più l’uso di materiali sintetici. La metodica comporta l’utilizzo di un laser che permette di effettuare sul dente alcuni fori affinché sia possibile rimuovere, in modo preciso e selettivo, porzioni di smalto dentale senza il rischio di asportare, lacerare o surriscaldare la polpa dentale. Le cellule staminali estratte da un dente presentano una capacità replicativa nelle colture cellulari simile a quella delle cellule fresche, non crioconservate

I genitori, dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di conservare quei denti. Recenti studi scientifici hanno scoperto che conservare denti da latte può comportare importanti benefici per la salute, altri studi sui neonati nel loro primo anno di vita hanno confermato un legame fra una serie di disturbi ed il fastidioso singhiozzo dopo pasto.

I denti da latte contengono cellule staminali all’interno della polpa dentale. Le cellule staminali possono rigenerare in neuroni, ossa e cartilagine, e alcune cellule cardiache riparando il tessuto cardiaco danneggiato.

Le staminali adulte sono cellule che costantemente contribuiscono a riparare e rigenerare i nostri tessuti; una cellula staminale è infatti capace di differenziarsi e creare nuove cellule specializzate in grado di rimpiazzare le cellule morte. Le staminali adulte sono presenti in tutti i tessuti, ma quelle più studiate, perché più facilmente isolabili e conservabili, sono quelle presenti nel sangue cordonale, aspirato alla nascita dal “cordone ombelicale”, e nel “midollo osseo”, contenuto all’interno di tutte le ossa umane.

In breve, queste cellule staminali possono aiutare a curare una miriade di malattie che possono colpire i bambini. Le malattie come il morbo di Hodgkin, leucemia e mieloma multiplo, una volta essere trattati solo con il trapianto dolorose midollo osseo (e procedure invasive simili), grazie ai staminali del bambino come quelle che si trovano nei denti.

Molti genitori negli ultimi decenni hanno raccolto le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale, da dopo la nascita del loro bambino.

Oodntoiatra.it

Autore: Odontoiatra.it

Odontoiatra.it
P.IVA 01550940793
created by: WIREX