Home page | Chi siamo | Obiettivi | Partner | Link consigliati | Eventi | Convenzioni | Libri | Pubblicazioni | Privacy



E-mails: redazione@odontoiatra.it contatti@odontoiatra.it

DETTAGLIO ARTICOLI

Ingrandisci



Dimensione caratteri Diminuisci le dimensioni del carattere Reimposta le dimensioni del carattere Aumenta le dimensioni del carattere Novità dalla medicina...vaccini gratis contro il papillomavirus umano (HPV)

Da qualche giorno è nota la notizia che, il ministro della Salute annuncia la prossima entrata in vigore del piano vaccinale che prevede un ampliamento delle immunizzazioni per alcune specifiche fasce di età.

Il virus del papilloma umano (hpv), alcuni tipi possono essere sessualmente trasmessi al cavo orale.

E' più frequentemente diffuso tra le popolazioni promiscue, in condizioni di scarsa igiene, è diffuso principalmente tra la seconda e la quarta decade di vita; maggiore è il numero dei partner sessuali, maggiore sarà il pericolo di contrarre un’infezione

I papillomavirus (HPV) hanno tropismo verso gli epiteli e i tessuti cheratinizzati interessando distretti cutanei e mucosi, la presenza del virus non da sintomi.


La vaccinazione contro il Papillomavirus umano (Hpv) si è dimostrata molto efficace nel prevenire nelle donne il carcinoma della cervice uterina (collo dell’utero), soprattutto se effettuata prima dell'inizio dell'attività sessuale; questo perché induce una protezione maggiore prima di un eventuale contagio con il virus Hpv.

Il carcinoma della cervice uterina è il secondo tumore più diffuso nelle donne.
Colpisce ogni anno circa 3.500 donne e causa 1.000 decessi in Italia.
Negli ultimi venti anni la mortalità per questo tumore si è ridotta drasticamente, soprattutto grazie alla diagnosi precoce realizzata attraverso i programmi di screening (Pap-test).

A fianco dello screening, la vaccinazione anti Hpv può efficacemente contribuire a ridurre l’impatto del cancro del collo dell’utero, che rappresenta la prima forma tumorale riconosciuta come totalmente riconducibile a un’infezione: quella da Papillomavirus umano.

I vaccini contro il Papillomavirus.

Oggi sono disponibili due vaccini contro il papillomavirus:

-vaccino bivalente - protegge contro i tipi 16 e 18 (i tipi di virus in grado di causare le lesioni pretumorali)
-vaccino quadrivalente - offre una protezione anche contro i tipi 6 e 11 (quelli che causano il maggior numero di condilomi).

Entrambi i vaccini hanno un'efficacia elevata, se somministrati prima che la persona sia stata contagiata con il virus HPV, che si acquisisce, di norma, subito dopo l’inizio dell’attività sessuale.
Inoltre inducono una migliore risposta immunitaria nelle persone più giovani.

Per questa ragione la campagna di vaccinazione contro l'Hpv è indirizzata alle bambine di età compresa tra gli 11 e i 12 anni.
La vaccinazione in questa classe di età, secondo le informazioni scientifiche oggi disponibili, consente di prevenire, nella quasi totalità dei casi, l’insorgenza di un’infezione persistente dei due ceppi virali, che più frequentemente provocano il tumore della cervice uterina. Ambedue i vaccini sembrano presentare un certo grado di protezione verso altri ceppi di Hpv.

Il vaccino è sicuro, in quanto è composto da particelle sintetiche simili all’involucro esterno del virus, cioè non contiene il virus vivo attenuato. Per questo non c’è nessuna possibilità di infezione. Da tutti gli studi clinici sulla sicurezza e l’efficacia è emerso che il vaccino, se somministrato quando la donna non ha ancora avuto contatto con il virus, assicura una protezione molto elevata (90-100%) nei confronti delle lesioni precancerose provocate da HPV 16 e 18.

Odontoiatra.it

Autore: Odontoiatra.it

Odontoiatra.it
P.IVA 01550940793
created by: WIREX