Home page | Chi siamo | Obiettivi | Partner | Link consigliati | Eventi | Convenzioni | Libri | Pubblicazioni | Privacy



E-mails: redazione@odontoiatra.it contatti@odontoiatra.it

DETTAGLIO ARTICOLI

Ingrandisci



Dimensione caratteri Diminuisci le dimensioni del carattere Reimposta le dimensioni del carattere Aumenta le dimensioni del carattere Cronaca odontoiatrica; emocomponenti;novità nella medicina odontoiatrica

In diversi articolo Odontoiatra.it ha trattato l'argomento degli emocomponenti, oggi continueremo aa tenervi aggiornati a riguardo.

Quale ruolo abbia il medico o l’odontoiatra nella scelta della terapia.
Quid iuris se la terapia appare non consolidata ma innovativa, quindi ampiamente legittima secondo il nuovo Codice Deontologico medico?

In che modo si può fatturare l’osso umano di banca al paziente, senza incorrere nel reato di mercimonio?

I consensi informati sull’uso dei dispositivi medici di origine biologica prevedono l’informativa sulle possibilità che ha poi il paziente di donare il sangue? Domande importanti che si pone soprattutto l’odontoiatra che utilizza biomateriali. Alla base dei suoi dubbi un semplice motivo: l’uso dei biomateriali soggiace a molteplici regole, frutto di diverse fonti normative comunitarie, nazionali e regionali, una giungla, dove è facile perdersi.

Questo nuovo servizio, è concentrato essenzialmente al professionista che utilizza biomateriali di diversa origine (emocomponenti, dispositivi medici biologici, tessuti umani di banca, giusto per citarne alcuni) e vuole essere in regola per evitare sorprese. Non solo. La parte più innovativa che SBU propone sono visite ispettive con le stesse modalità di quelle effettuate dai carabinieri del NAS in modo da dare un riscontro materiale del servizio di assistenza.

Effettuate direttamente presso lo studio odontoiatrico le ispezioni (della durata media di circa 4 ore) si concludono con la redazione di un verbale di ispezione (anch’esso su modello di quello dei NAS) dove vengono segnalate le anomalie o le non conformità emerse nel corso dell’audit e relative modalità di risoluzione.

Oltre alla tranquillità derivante dalla compliance normativa del proprio operato, non bisogna trascurare per il professionista, che riceve questo controllo accurato, l’ulteriore vantaggio di un check sulla struttura organizzativa che scaturisce direttamente dall’analisi delle difformità e/o criticità riscontrate nello studio odontoiatrico.

Vedi anche: Nuove norme sugli emocomponenti

Concentrati piastrinici/emocomponenti/ Prgf

Le normative e le riflessioni medico-legali in materia di PRF e di emocomponenti

La metodica per la preparazione del plasma arricchito di piastrine (PRP)

Odontoiatra.it

Autore: Odontoiatra.it

Odontoiatra.it
P.IVA 01550940793
created by: WIREX