Come adottare il sorriso di un bambino

0
492

Si è attivata l’iniziativa della Fondazione ANDI. Si comincia da Asti.

E’ il progetto della Fondazione ANDI Onlus che ha lo scopo
di offrire cure odontoiatriche gratuite ai minori ospiti delle case famiglia. Si tratta di minori con una storia difficile, spesso dolorosa che, grazie all’affidamento, trovano una risposta ai loro bisogni affettivi e di cura.
Il progetto prevede la collaborazione tra dentisti ed amministrazioni comunali e Servizi sociali ed ad oggi è stato attivato nei comuni di Cagliari, Livorno, Massa Carrara, Milano, Pisa, Teramo, Terni e Trieste.
A queste, da questa mattina, si è aggiunta la città di Asti; primo comune piemontese ad aderire all’iniziativa grazie alla firma dell’accordo tra l’Assessore alla sanità del Comune, Piero Marco Vercelli, il presidente Fondazione ANDI Ivan Evangelista Mancini ed il presidente della sezione ANDI di Asti Davis Cussotto.

“Fondazione ANDI -ha detto il presidente Mancini durante la presentazione dell’iniziativa alla stampa- vuole offrire un aiuto concreto a questi bambini, alle loro famiglie e alle comunità che li ospitano, mettendo a disposizione cure dentali gratuite presso gli studi dei Soci ANDI che scelgono di diventare”.

Iniziative simili, ha commentato l’Assessore Vercelli, permetto alle amministrazioni comunali di continuare sul territorio quell’opera di assistenza e prevenzione che altrimenti sarebbe preclusa a causa dei fondi sempre più scarsi oltre a dare un segno di “normalità” alla vita di questi bambini.

“L’obiettivo del progetto -ha spiegato il presidente Cussotto- è quello di promuovere un intervento di sostegno a favore di minori in difficoltà ospiti nelle strutture di accoglienza del Comune di Asti.
Per molti di questi bambini e ragazzi, l’accesso a cure odontoiatriche è un bene negato o difficilmente fruibile. Per questo i dentisti volontari di ANDI Asti mettono a disposizione la loro professionalità e il loro tempo a favore di chi vive in una condizione di svantaggio sociale”.

In pratica, il dentista ANDI che aderisce al progetto (ad oggi lo hanno fato in 14), su indicazione dai Servizi Sociali del Comune di Asti, adotterà un minore, sotto il profilo delle cure odontoiatriche e seguirà culturalmente e terapeuticamente il suo stato di salute orale eseguendo gratuitamente gli interventi necessari. I ragazzi saranno individuati sulla base delle necessità cliniche privilegiando i più piccoli in modo da costruire, fin da subito, una salute orale sana.

Ma non solo assistenza, grazie all’accordo tra Comune e dentisti ANDI saranno organizzati momenti informativi dedicati ai genitori dei bambini ed anche agli operatori sociali del Comune in modo da diffondere la cultura della salute orale e della prevenzione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.