COSA CONTENGONO I DENTIFRICI?

0
161

Il buon dentifricio pulisce i denti e rimuove la placca in modo efficace. Inoltre cura le gengive e protegge efficacemente dalla carie dentaria. La pasta dentifricia protegge lo smalto, le mucose orali e impedisce il deposito e l’accumulo della placca batterica. Come scegliere il miglior dentifricio?

I denti sui quali usiamo lo spazzolino sono le superfici da pulire. Se vogliamo pulire tutta la mucosa, bisogna adoperare il filo interdentale che e usato per rimuovere la placca dentale e il cibo dai denti.

Anche il collutorio e raccomandato spesso per l’igiene della bocca e grazie a questo prodotto il nostro alito fresco e assodato.

Con cosa e fatto il dentifricio?

Il dentifricio e composto da componenti abrasivi e lucidanti (25-60%). La qualita del dentifricio testimoniano: la forma, il tipo e il granulometria. Tra i componenti abrasivi sono applicati:

Il gel di silice – ha la proprieta abrisiva e non reagisce con il fluoro.
Idrogeno fosfato di calcio – non reagisce con il fluoro, ha la proprieta lucidante, non cambia il sapore.
Il silicato di sodio e alluminio – attualmente usano raramente, perché hanno basso abresione e la compatibilita con il fluoro.

Gli agenti schiumogeni – circa 2% la massa di dentifricio. Hanno la proprieta pulenti. Attualmente si usa il sodio lauril solfato e sodium lauroyl sarcosinate. Non reagiscono con l’altro, non hanno ne il sapore ne l’odore. Inoltre il sodio lauril solfato ha la proprieta antibatteriche.

Gli addensanti – danno al dentifricio consistenza e prevengono la seperazine tra la fase liquida e solida. Gli addensanti sono composti da derivati di cellulosa, alginato e anche da amido modificato.

Gli umittanti – (10%-30%) come la glicerina e il sorbitolo che hanno la capacita di trattenere l’acqua, grazie a questo il dentifricio non asciuga.

Gli agenti arromatizziati – sono addizionati per attingere un alito fresco.

Fra le sostanze attive di origine biologiche ci sono anche i sali e estratti di erbe. Si aggiunge anche il bicarbonato di sodio che aiuta a modificare il PH della placca. Il sale micronizzato, come bocheńska, iwonicka, ciechocińska ed il sale marino rafforzano il tessuto parodontale.

La proprieta degli estratti d’erbe:
Antiinfiammatora (la camomilla, il timo, la salvia)
Astringenti (il timo, la salvia, il tannino)
Rafforzamenta (la mirra, l’echinacea)
Le sostanze sbiancante – clorati, perborati, perossidi o altri che contengono acqua ossigenata stabilizzata, enzimi, derivati cumarinici.

La curiosita – i derivati cumarinici danno l’effetto della fluoroscenza che comporta l’emissione di luce che da i sbiancamenti ottici.

Inoltre nel dentifricio ci sono gli agenti antitartari con le proprieta’ antibatteriche, per aiutare a prevenire la formazione del tartaro lungo il bordo gengivale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here