CRIOCONSERVAZIONE DI STAMINALI DALLA POLPA DENTALE

0
152

Dal mese di aprile 2008 è possibile conservare le cellule staminali della polpa del dente. La Cord Blood Italy è la prima e unica in Europa a dare questa innovativa possibilità a chi è interessato ad investire nella salute futura di se stesso e della propria famiglia.

Definizione di “cellula staminale”

Definizione dell’NPDL: i mattoni essenziali del corpo. Significa che una cellula staminale è in grado di generare nuove cellule con le stesse caratteristiche oppure tipi cellulari diversi.

Wiki definisce le cellule staminali come: “le cellule staminali sono le prime cellule che si possono trovare in un organismo multicellulare. Esse conservano l’abilità di autorinnovarsi sfruttando divisioni cellulari mitotiche e possono differenziarsi in un range di tipi cellulari specializzati diversi.”

Websters definisce le cellule staminali come: “cellule non specializzate che danno origine a cellule differenziate.”

Cambridge definisce le cellule staminali come: “una cellula, in particolar modo se prelevata da una persona o da un animale in uno stadio iniziale di sviluppo, che può svilupparsi in qualsiasi altro tipo cellulare

Quali sono le diverse fonti di Cellule Staminali?

Scegliere la fonte di cellule staminali

Per fare la scelta corretta per la vostra famiglia e per voi stessi, vi preghiamo di leggere questo quadro generale sulle cellule staminali presenti nel corpo umano.
Apprenderai delle informazioni su:

Cellule staminali embrionali.
Cellule staminali del cordone ombelicale.
Cellule staminali del midollo osseo.
Cellule staminali della polpa dentale.
Cellule Staminali Embrionali:

Dopo la fecondazione si possono trovare delle cellule staminali nel sacco embrionale. Le trasformazioni nelle prima fasi di sviluppo sono direttamente correlate alle cellule staminali embrionali.
La vostra pelle, le ossa, i muscoli e qualsiasi organo si sviluppano in conseguenza a segnali molecolari diretti verso le cellule staminali che ordinano loro di differenziarsi in tipi cellulari specifici.
Le cellule staminali embrionali possono dare origine a piu’ di 200 tipi cellulari diversi.
L`impiego delle cellule staminali embrionali nella medicina personale e` sottoposto ad importanti limitazioni.
L’utilizzo delle cellule staminali embrionali e` illegale e non etico.
La nostra compagnia non allestisce delle ricerche sulle cellule staminali embrionali.
E` noto nella comunità scientifica che le cellule staminali embrionali possono dare origine a tumori.
Le cellule staminali embrionali svolgono la loro attività nelle fasi di sviluppo e dopo la nascita non sono più disponibili a lungo.
Non si possono utilizzare cellule staminali embrionali di altri individui per fini medicamentosi.
A causa delle sopraindicate limitazioni, le cellule staminali embrionali non costituiscono una buona scelta ai fini della conservazione.
Cellule Staminali del Cordone Ombelicale:

Dopo la nascita si possono trovare delle cellule staminali nel cordone ombelicale. Il sangue lasciato all`interno del cordone ombelicale e` ricco di cellule staminali. Dopo la nascita del bambino il cordone ombelicale viene reciso. Normalmente, il cordone ombelicale viene buttato in quanto viene considerato un rifiuto medico.
Le cellule staminali ombelicali hanno la capacità di ripopolare il midollo delle ossa. La loro abilità di rigenerare il sistema immunitario di un paziente affetto da cancro in seguito a trattamenti con chemioterapici e` ben documentata. Sono stati realizzati in tutto il mondo più di 6000 trapianti di cellule satinali. Le cellule staminali contenute nel cordone ombelicale hanno la potenzialità` di salvare la vita.
L`utilizzo nella medicina personale delle cellule staminali ombelicali incontra delle limitazioni significative.
Le cellule staminali ombelicali sono solo disponibili al momento della nascita. Perciò questa opportunità unica nella vita di preservare cellule staminali prelevate dal cordone ombelicale dipende dalla decisione di preservarle che deve esser presa in un momento ben preciso.
Cellule Staminali del Midollo Osseo

Il midollo osseo contiene cellule staminali. Il midollo osseo è il tessuto molle che si trova nella parte vuota all’interno delle ossa. Negli adulti, il midollo presente nelle ossa larghe produce nuovi elementi corpuscolari del sangue.
Il midollo osseo è stato usato per decadi per salvare le vite di pazienti affetti da cancro. Tipicamente, le cellule staminali sono utilizzate per ripopolare il midollo osseo che è stato danneggiato dai chemioterapici.
Vi sono delle limitazioni nell’ uso del midollo osseo per la medicina personale.
La procedura tradizionale per raccogliere le cellule staminali dal midollo osseo viene normalmente eseguita tramite l’utilizzo di un grosso ago, è estremamente invasiva e può esser dolorosa.
Una nuova procedura, chiamata trattamento del sangue periferico, è un processo che richiede molto tempo. Vengono somministrati una serie di farmaci per facilitare il rilascio delle cellule staminali dal midollo osseo nel sistema circolatorio. Ciò si ottiene tramite una tecnica invasiva simile alla dialisi. Si inserisce un ago nel paziente e una macchina raccoglie e processa le cellule staminali prelevate dal sangue.
Raccoglie le cellule staminali del midollo osseo è estremamente oneroso.
Normalmente,le cellule staminali del midollo osseo vengono raccolte solo in caso siano l’ultima risorsa per salvare la vita.
Sia a causa della spesa rilevante, sia a causa della procedura invasiva, il midollo osseo non rappresenta l’opzione di elezione per la medicina personale.

Potenziale futuro:

Le terapie e trattamenti nella medicina rigenerativa con questo tipo di cellule devono essere ancora accuratamente studiate e approvate dalla FDA (Food and Droug Aministration).

Attualmente possiamo però tranquillamente dire che gli scienziati di tutto il mondo hanno individuato la potenziale importanza di queste cellule staminali di tipo mesenchimali trovate all’interno della polpa dentale, le quali hanno la potenzialità di differenziarsi in una grande varietà di altri tipi di cellule tra cui:

Cardiomiociti: futuro potenziale nella riparazione del tessuto cardiaco danneggiato in seguito ad un attacco cardiaco.
Miociti: futuro potenziale nella riparazione del muscolo.
Osteociti: che hanno il potenziale futuro di generare tessuto osseo.
Condrociti: futuro potenziale nella rigenerazione della cartilagine.
Cellule nervose: futura potenzialità di generare le cellule nervose del cervello e del tessuto nervoso.
Adipociti: potenzialità futura nella generazione del tessuto adiposo.

Quali denti possono essere utilizzati?

Il Dr. Matzilevich, responsabile scientifico dell’NDPL spiega che “ci sono essenzialmente quattro periodi di tempo durante i quali si può ottenere la polpa dentale” e cerca di illustrarne i vantaggi e gli svantaggi di ognuno di essi.

La prima opportunità di ottenere la polpa dentale si ha quando il bambino perde i suoi primi denti. Questi giovani denti sono ricchi di cellule staminali, ma la loro raccolta presenta alcuni problemi: per prelevare correttamente il dente in modo che la polpa sia sana è necessario che il bambino si rechi in uno studio dentistico per effettuare l’estrazione.

La seconda opportunità di “ottenere la polpa” arriva, con l’ortodonzia, quando si installano gli apparecchi correttori. Spesso si estraggono contemporaneamente quattro denti. Questi sono già denti adulti che sono ricchi di cellule staminali.

Il Dr. Matzilevich spiega che i ricercatori hanno scoperto che le cellule staminali contenute nella polpa dentale sono molto più efficaci e versatili quando provengono da denti giovani.

Una terza opportunità la si può ottenere dopo una decina d’anni, o anche più tardi, quando viene comunicato al giovane adulto che è necessario estrarre alcuni, o anche tutti, denti del giudizio. Nuovamente, questo è un momento vantaggioso per conservare la polpa dentale perché i denti devono comunque essere estratti e sono ancora giovani e sani.

Gli scienziati sono concordi nell’affermare che ogni dente fornisce fino a 50 cellule staminali. Conservare tutti e quattro i denti produce un ammontare di cellule più soddisfacente. L’estrazione contemporanea dei quattro denti del giudizio può quindi rappresentare un beneficio dal momento che questo permette di raccogliere un buon quantitativo di cellule staminali.

Tuttavia, non tutte le persone devono rimuovere i loro denti del giudizio, o non tutti insieme, ed i rimanenti rappresentano ulteriori opportunità per ottenere la polpa.

Infine c’è la polpectomia. La polpectomia è una procedura relativamente semplice. Il dentista, dopo aver praticato un’anestesia locale, inserisce una siringa direttamente nel centro del dente, quindi estrae la polpa sana e la ripone immediatamente in un contenitore sterile e trattato fornito dall’NDPL. La polpectomia è un’opzione pensata per l’età adulta, ma gli scienziati dell’NDPL continuano a sostenere che “prima è, meglio è” ricordando a tutti che i denti più giovani forniscono cellule staminali più robuste e più versatili.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here