Cronaca odontoiatrica /carie/ozono/ozonoterapia

0
120

L’ozono (O3), il cui nome deriva dal greco “odorare”, è una forma di ossigeno. È presente nell’aria che respiriamo e nell’alta atmosfera ci protegge dai raggi solari nocivi; lo possiamo trovare inoltre in montagna e dopo i temporali, avvertendolo sotto forma di quell’odore inconfondibile di fresco e pulito.

Non solo nel campo della odontoiatria pediatrica, anche nella cura della carie ad ogni età, l’ozono trova diverse applicazione efficaci.

Grazie a questa tecnica che nasce oggi il nuovo formidabile concetto di ODONTOIATRIA MINI INVASIVA ovvero ODONTOIATRIA A BASSO LIVELLO DI OPERATIVITA’.

E’ una vera svolta epocale in odontoiatria, che permette cure meno invasive, un utilizzo molto più raro della anestesia locale e degli strumenti tradizionali come il trapano odontoiatrico.

L’ozono ha la proprietà di eliminare i batteri responsabili della carie dentale, di stimolare la rimineralizzazione e le difese naturali dei tessuti vivi del dente. L’ozono ha inoltre un effetto antidolorifico e antinfiammatorio naturale. Ha caratteristiche antinfiammatorie, analgesiche, immunostimolanti, di trofo-induzione ovvero promuove la rigenerazione dei tessuti!
La carie, trattata con ozono, va incontro ad un processo di guarigione reattiva attraverso la formazione di uno strato molto piu’ duro, come in una specie di “callosità”, assai piu’ resistente ad un nuovo processo carioso.

Nel lesioni cariose minime e superficiali, si eviterebbero del tutto l’utilizzo degli strumenti tradizionali rotanti e di conseguenza l’anestesia limitandoci al solo trattamento mediante ozono HEALOZONE. Naturalmente, come avrete capito, l’applicazione dell’ozono, in quanto un gas, è assolutamente indolore. Nel caso di carie più profonde, potremo, caso per caso, limitarci ad una pulizia con strumenti manuali della carie in superficie e poi si applicare l’ozono.
Perciò, anche in questo caso si eviteranno anestesie e strumentazioni aggressive. Nel caso poi di carie molto avanzate, che hanno già presentato dolore, infiammazione del nervo o addirittura l’iniziale infezione della polpa dentale, l’abbinamento di tecniche tradizionali con la applicazione dell’ozono, potrà evitare in molti casi la devitalizzazione del dente, o guarire più facilmente l’infezione, e controllare molto più rapidamente i sintomi dolorosi.

Per concludere l’ozono permette terapie delicate, estremamente conservative e non invasive, in molti casi completamente indolori, che preservano al massimo la struttura del dente, riducendo anche i costi dei trattamenti.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here