I vantaggi clinici del carico immediato con impianto cono morse

0
439
odontoiatra.it, implantologia
odontoiatra.it, implantologia

Osteointegrazione: è un fenomeno biologico che si basa sui processi di rigenerazione e rimodellamento osseo. Il tessuto osseo risponde ai carichi occlusali attuando un equilibrio dinamico tra queste due fasi (Brånemark, 2001).

Le procedure di carico immediato consentono alla rigenerazione e al rimodellamento osseo di avvenire simultaneamente, riducendo così il tempo necessario all’impianto per osteointegrarsi.
Questa tecnica chirurgica è basata sulla stabilità meccanica o primaria dell’impianto, che può essere rappresentata sostanzialmente dal torque finale misurato al momento della sua installazione (Papaspyridakos et al, 2014). Tuttavia si dovrebbe prestare attenzione a un’ulteriore dinamica clinica: l’occlusione fisiologica o armonica.

Caso clinico
Un paziente viene sottoposto a trattamento implantare per il restauro del primo molare dell’arcata mascellare superiore.
È stato pianificato un intervento con un impianto conico 4.3 x 13 mm (CM Alvim, Neodent), selezionato per le sue spire compattanti e per il design del corpo implantare. L’impianto è stato posizionato, successivamente all’osteotomia, con un valore di Torque pari a 45 Ncm.

Avendo superato i 32 Ncm all’inserzione ed essendo in presenza di una occlusione normale senza alcun carico laterale sull’impianto, questo caso è stato trattato con la tecnica del carico immediato.
Considerando l’altezza del solco gengivale e rispettando le distanze dall’osso è stato selezionato un moncone per protesi avvitata (Moncone CM, 2.5 mm, Neodent).
Il giorno stesso dell’inserimento dell’impianto è stata posizionata una corona provvisoria.

Sei mesi dopo l’intervento, in seguito alla guarigione dei tessuti molli, è stata effettuata una presa d’impronta e si è proceduto ad avvitare una protesi di ceramica sopra il moncone. Durante questa prima visita è stato possibile osservare come il restauro provvisorio abbia favorito la guarigione della mucosa e come le papille si siano riformate senza alcuna necessità di ulteriori appuntamenti clinici per la creazione di un profilo di emergenza. Il giorno del posizionamento della protesi definitiva è stata effettuata una periapicale a raggi X come base dalla quale partire per i successivi controlli. I follow-up effettuati a 5 e 8 mesi e mezzo dall’intervento mostrano come l’osso si sia mantenuto nella medesima posizione.

Conclusioni
Gli impianti cono morse tendono a ridurre il potenziale rimodellamento osseo nel tempo, soprattutto nel caso in cui venga eseguito il posizionamento a livello subcrestale (Castro et al, 2014).
Un grande vantaggio rappresentato da questo risultato è la presenza di papille e il loro mantenimento nel corso degli anni, che ha come conseguenza un restauro più naturale e un migliore risultato estetico per il paziente.

Autori: Geninho Thomé, BDS, MSc, PhD, Docente presso l’istituto Ilapeo (Latin American Institute of Dental Research and Education); Dr Sérgio Rocha Bernardes, BDS, MSc, PhD Docente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.