Il laser e staminali faranno ricrescere i denti?

0
728
odontoiatra.it, laser, cellule staminali
odontoiatra.it, laser, cellule staminali

Utilizzare la luce laser e le cellule staminali per far ricrescere i denti: è questo l’ambizioso obiettivo che David Mooney e il suo gruppo di ricercatori del Wyss Institute di Harvard sono riusciti a tradurre in realtà in uno studio condotto su topi di laboratorio. I ricercatori hanno sviluppato una tecnica che fa uso di un laser a bassa potenza per indurre cellule staminali a riformare dentina e che potrebbe avere implicazioni nella guarigione delle ferite, nel ripristino di tessuto osseo e naturalmente in odontoiatria. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Science Translational Medicine.

Sono quelle proteine chiamate fattori di crescita a favorire e orientare la differenziazione delle cellule staminali: utilizzando fattori di crescita diversi, i ricercatori forzano le cellule a svilupparsi nel tipo di tessuto voluto. Purtroppo il processo non è semplice come potrebbe sembrare: la maggior parte delle sperimentazioni effettuate sulle cellule staminali in medicina rigenerativa comporta la crescita di tessuti in vitro che devono essere poi trapiantati nell’organismo e questo richiede procedure molto accurate e difficili. Mooney si è servito invece di una tecnica nuova che potrebbe semplificare il procedimento e renderne molto più veloce la trasposizione clinica.

Con il trapano, i ricercatori hanno praticato dei fori nei denti dei topi di laboratorio per simulare le carie; hanno poi applicato cellule staminali adulte alla polpa dei denti e hanno utilizzato la radiazione non ionizzante di un laser a bassa potenza per stimolare i fattori di crescita. I denti sono stati poi sigillati con una capsula provvisoria per dodici settimane. Al follow-up successivo, raggi X e analisi microscopiche hanno mostrato che la dentina aveva effettivamente iniziato a ricrescere. «La nostra modalità di trattamento non introduce nulla di nuovo nel corpo e il laser è utilizzato comunemente in medicina e in odontoiatria, – ha dichiarato Mooney – quindi gli ostacoli a una traslazione clinica sono ridotti. Se riuscissimo a rigenerare i denti invece di sostituirli si produrrebbe un progresso sostanziale nel settore».

Il team ha poi cercato di identificare quali meccanismi molecolari fossero stati influenzati dal laser. Il principale responsabile della ricrescita della dentina è stato il fattore di crescita trasformante beta-1 (o Tgf-β1), una proteina multifunzionale che regola la proliferazione e differenziazione cellulare. Il laser stimola innanzitutto le specie reattive dell’ossigeno (Ros) che hanno un ruolo importante nella segnalazione cellulare e in altri processi cellulari omeostatici; i Ros attiva poi la Tgf-β1 fino a quel momento dormiente e quest’ultima dà alle cellule il segnale perché si differenzino in dentina. I ricercatori hanno anche osservato che la reazione è dose-dipendente, in funzione della quantità di luce ricevuta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.