INTARSIO IN CERAMICA (INTARSIO IN PORCELLANA)

0
995

Si vuole dare indicazioni sulle caratteristiche e possibilita’ di queste “ricostruzioni di tessuto dentale ” fatte non con i soliti compositi ma con ceramica spiegandone le indicazioni ed i vantaggi.

Otturazioni di amalgama risanate
in modo estetico e biocompatibile
con delle corone in ceramica L’evoluzione continua delle ceramiche dentali mette a nostra disposizione dei materiali sempre più resistenti. In questo modo oggi è possibile realizzare delle corone senza metallo anche nei denti posteriori.

Ancora non sono disponibili esperienze di lunga durata con queste nuove ceramiche, ma i risultati ottenuti fino ad ora sono molto promettenti.

Vantaggi e svantaggi delle corone in ceramica integrale:
Estetica e trasparenza naturale
Estremamente biocompatibili, non provocano allergie
Possibili correzioni della forma e della posizione dei denti
Richiedono limatura più estesa dei denti
Relativamente costose
Per i denti posteriori non ancora provate a lungo termine
Otturazioni bianche (otturazioni in composito)

Otturazioni infiltrate di
denti frontali cariati, prima
e dopo il trattamento con
otturazioni in composito Poiché il nostro Studio è da molto tempo “zona priva d’amalgama”, già diversi anni fa ci siamo posti il compito di trovare le possibili alternative all’amalgama. I moderni materiali da otturazione che hanno il colore dei denti, (anche chiamati “compositi”, poiché sono composti da una base di resina e da riempitivi inorganici), hanno oggi raggiunto un alto livello di qualità. Soprattutto per i denti frontali (incisivi e canini), ma anche per piccole otturazioni nei denti posteriori, i compositi sono oggi la scelta giusta.

Dopo la mordenzatura dello smalto e l’applicazione di un adesivo, la resina aderisce alla sostanza dentale. In questo modo, denti molto indeboliti vengono di nuovo stabilizzati. Essendo a disposizione per quasi ogni colore dentale il relativo composito, nella maggior parte dei casi è possibile realizzare un perfetto adattamento estetico dell’otturazione.

Quali sono gli svantaggi delle otturazioni in composito?

L’ingrandimento al microscopio elettronico
mostra una crepa tra composito e dente La resina è un eccellente materiale per i denti frontali e per piccoli difetti circondati da sostanza dentale sana, ma il suo utilizzo per grandi otturazioni nei denti posteriori, estese fino nelle zone interdentali, può essere problematico. Delle volte si può assistere ad una perdurante sensibilità del dente alla masticazione, per la quale fino ad oggi non è stata trovata una spiegazione. Un ulteriore problema è la contrazione della resina durante la polimerizzazione, che nelle cavità profonde può risultare in microscopiche imprecisioni della chiusura marginale. Ciò può causare, dopo alcuni anni, l’infiltrazioni batterica e la carie. Inoltre, dopo qualche tempo, la resina può scolorirsi e consumarsi durante la masticazione (abrasione).

La durata di queste otturazioni estese è pertanto limitata a 3 – 6 anni e dipende dall’igiene orale del paziente. Se si richiede un’alternativa al composito più duratura, va considerata una ricostruzione con intarsi in ceramica.

Vantaggi e svantaggi delle otturazioni in composito (resina)
Relativamente economiche
Stabilizzazione della sostanza dentale
Buona estetica
Trattamento possibile in una seduta
Per otturazioni estese non durevole nel tempo
Possibilità di dolore durante la masticazione
Possibile scolorimento ed abrasione
Problematico per cavità estese fino alla zona subgengivale
Intarsi in ceramica (intarsi in porcellana)
Sempre più pazienti desiderano sostituire le loro vecchie otturazioni d’amalgama con un materiale che sia biocompatibile e durevole nel tempo. Gli intarsi in ceramica sono all’apice, dal punto di vista funzionale ed estetico, delle alternative oggi a nostra disposizione.

Che cos’è un intarsio?

Intarsio in ceramica Gli intarsi sono otturazioni eseguite nel laboratorio, usate per i denti posteriori (premolari e molari). Dopo la rimozione delle vecchie otturazioni difettose o della carie viene presa un’impronta della cavità. In laboratorio viene quindi realizzato, in oro o in ceramica, l’equivalente della parte mancante, che riempirà la cavità con estrema precisione, ricostruendo così la forma originaria del dente. Gli intarsi vengono quindi incollate (cementate) nella cavità durante la seconda seduta nello Studio dentistico. Un intarsio esteso, che comprende anche le cuspidi dei denti, è chiamato onlay.

Gli intarsi in oro sono molto duraturi nel tempo, ma, per motivi estetici, oggi sono caduti un po’ in disuso.

Quali sono i vantaggi degli intarsi in ceramica?
Gli intarsi in ceramica sono privi di metallo, pertanto lasciano passare la luce. Con una speciale procedura adesiva vengono incollati al dente senza lasciare spazi intermedi. Ne risulta un’adesione chimica tra il dente e la ceramica, che restituisce ai denti indeboliti la loro solidità originaria. L’effetto estetico, grazie all’elevata trasparenza, è eccellente.

La ceramica è estremamente biocompatibile, non si conoscono allergie, come per esempio per certi metalli.

Gli intarsi in ceramica sono molto duraturi. Il grafico sottostante paragona la longevità fra otturazioni in composito ed intarsi in ceramica.

Gli intarsi in ceramica sono adatti per tutti i denti?
In generale, tutti i denti posteriori (molari e premolari) possono essere ricostruiti con intarsi in ceramica, mentre i denti frontali (incisivi e canini) vengono trattati con otturazioni di composito. Solo nei casi dove la cavità si estende profondamente sotto gengiva, o se la rimanente sostanza dentale è estremamente debole o fragile (per esempio nei denti devitalizzati), una corona è l’opzione più duratura.

Come sono gli intarsi fresati con il computer (per esempio CEREC®)
In questo caso, invece di prendere un’impronta, la cavità è misurata con un laser ed i dati ricavati sono trasmessi ad una fresatrice controllata da un computer. L’intarsio viene fresato da un blocco di ceramica e può essere cementato nella stessa seduta.

Nel nostro Studio preferiamo gli intarsi realizzati in laboratorio sulla base di un’impronta, poiché questi ultimi si sono rivelati superiori, in termini di forma (chiusura marginale), funzione (interazione con l’antagonista) e colore, a quelli fatti con il computer.

Il vantaggio degli intarsi Cerec consiste solamente nel risparmio dei costi di laboratorio e nella possibilità di terminare il trattamento del dente in una sola seduta (peraltro molto lunga).

Un caso clinico:

foto intarsio : come viene eseguito in laboratorio
Foto 1: Tre otturazioni in amalgama difettose (un premolare e due molari).
Poiché la carie nel premolare non è molto profonda, il dente viene ricostruito con un’otturazione in composito con lo stesso colore del dente. I due molari sono già stati preparati per ricevere gli intarsi in ceramica.
Foto 2: L’impronta viene presa unilateralmente con un piccolo cucchiaio che non copre il palato. Facendo così, l’impronta registra contemporaneamente i denti di sopra e quelli di sotto, evitando cosi la necessità della presa di una seconda impronta e la registrazione del morso. Al contrario di quanto avviene durante la presa di un’impronta convenzionale, con questo metodo non si hanno sensazioni sgradevoli, come p.e. conati di vomito.
Foto3 : Gli intarsi in ceramica pronti ad essere cementati.
foto 4: Dopo la cementazione degli intarsi in ceramica. Estetica, funzione e stabilità dei denti trattati sono state ristabilite a lungo termine.

Vantaggi e svantaggi degli intarsi in ceramica
Estetica perfetta
Buona durata nel tempo
Rinforzamento dei denti difettosi
Ottima biocompatibilità
Relativamente costosi
Sono necessarie due sedute
Problematici in caso di cavità subgengivali

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.