L’ agopuntura senza segreti

0
379
I rimedi dell’agopuntura

I meccanismi alla base di una delle pratiche orientali più conosciute e antiche sono stati chiariti da uno studio apparso su Nature Neuroscience. Il benessere ricavato da una seduta di agopuntura avrebbe una spiegazione di carattere fisico e non psicologico. Sdraiarsi a pancia in giù e sottoporsi alla “somministrazione” di decine di aghi sembrerebbe generare una reazione dell’organismo che culmina nella produzione di antidolorifici naturali.

All’Università di Rochester, nello stato di New York, hanno sottoposto ad agopuntura un gruppo di topi che soffrivano di dolori alle zampe. Dopo 30 minuti di terapia, gli scienziati hanno verificato una riduzione del dolore e una concentrazione molto più elevata del normale di adenosina, molecola di adenina legata a un ribosio nota per partecipare ai meccanismi di regolazione del sonno, per la sua azione sul cuore e per le sue proprietà antinfiammatorie. I medici hanno allora disattivato i recettori che si attivano grazie all’adenosina, registrando la scomparsa dell’effetto antidolorifico. Utilizzando un farmaco – la deossicoformicina – i ricercatori hanno poi verificato che l’effetto benefico dell’agopuntura si prolungava, in quanto la sostanza impediva l’elaborazione fisiologica dell’adenosina, che quindi rimaneva in circolo più a lungo assicurando così il perpetuarsi dell’effetto.

L’agopuntura, del resto, è stato uno dei perni dei trattamenti medici in alcune parti del mondo per quattromila anni, ma dato che fino adesso non si erano compresi a fondo i meccanismi, molti erano rimasti scettici.  Con questo lavoro si sono fornite nuove informazioni su un meccanismo fisico attraverso cui l’agopuntura allevia il dolore nel corpo; una pratica cui sempre più italiani sembrano rivolgere la loro attenzione dal momento che, secondo i dati dell’Associazione Italiana Agopuntura, sono ben sei milioni coloro che si sottopongono a sedute di agopuntura, per i motivi più diversi. Numeri importanti, che pongono l’Italia, dopo i paesi dell’estremo oriente, tra le nazioni a maggiore diffusione di questa pratica.

Articolo di redazione

Fonte: Italiasalute.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.