L’ Eruzione dentale

87

Si tratta di un movimento di un dente, durante gli stadi finali dell’odontogenesi, in direzione assiale e occlusale, dalla sua posizione di sviluppo all’interno del mascellare (cripta) fino alla sua posizione finale funzionale sul piano occlusale.

Il movimento eruttivo del dente comincia subito dopo l’inizio della formazione della sua radice. Nello stadio di eruzione precedente all’emergenza nella  cavità orale , l’osso soprastante la corona del dente in eruzione viene riassorbito, come le radici dei suoi corrispondenti decidui e il dente si sposta nella direzione in cui il tragitto è stato reso libero.

Dopo la sua emergenza in bocca il dente erompe rapidamente, fino a che si avvicina al  piano occlusale  ed è soggetto alle  forze occlusali . A quel punto, la sua eruzione rallenta e finalmente si raggiunge un equilibrio dinamico quando il dente è in completa funzione. Successivamente i denti continuano ad erompere ad una velocità corrispondente alla velocità di crescita verticale del ramo mandibolare.

L’eruzione dentale continua per tutta la vita ad un ritmo lento, per compensare la perdita di materiale dentale dovuta all’abrasione e per mantenere la dimensione facciale verticale, a meno che l’usura non sia eccessiva.

MECCANISMO DI ERUZIONE.

Il meccanismo di eruzione dentale è un processo che non è ancora stato compreso chiaramente. la maggior parte delle ricerche hanno concluso che l’eruzione è un processo multifattoriale in cui causa ed effetto sono difficili da separare. Esistono infatti diverse teorie che cercano di spiegare i meccanismi di eruzione e sono:

TEORIA DELL’ALLUNGAMENTO RADICOLARE: sostiene che la crescita radicolare è responsabile della movimento occlusale della corona.
TEORIA DELLA PRESSIONE IDROSTATICA secondo la quale l’incremento locale della pressione del fluido tissutale nei  tessuti periapicali  spinge il dente occlusalmente.
TEORIA DI CRESCITA DELL’OSSO ALVEOLARE: secondo la quale l’apposizione ossea nella cripta sottostante il dente in eruzione e il riassorbimento dell’osso occlusalmente ad esso, provocano l’eruzione del dente fino alla sua occlusione funzionale.
TEORIA PULPARE. Sostiene che la polpa produce una forza propulsiva generata dall’estrusione pulpare dovuta alla crescita della dentina, per crescita interstiziale della polpa, o per effetti idraulici all’interno del tessuto vascolare della polpa. Ciò comporta una forza eruttiva a causa del gradiente di pressione maggiore al di sotto del dente che sopra di esso.
TEORIA DEL  LEGAMENTO PARODONTALE : secondo la quale il meccanismo di eruzione si trova nel  legamento parodontale , probabilmente correlato alla contrattilità delle fibre collagene.
TEORIA DEL FOLLICOLO DENTALE. Essa sostiene che l’eruzione dentale è soprattutto funzione del riassorbimento osseo al di sopra del dente che sta erompendo (formando il suo tragitto di eruzione), in combinazine all’intensa attività  osteoblastica  al di sotto di esso, entrambi controllati dal follicolo dentale.
Le teorie qui sopra elencate non si escludono reciprocamente; è provato che l’eruzione dentale è regolata da un meccanismo diverso nello stadio di pre-emergenza e in quello di post-emergenza. Sembrano giocare un ruolo importante anche fattori fisiologici quali le variazioni ormonali.visione d’insieme del gruppo frontale superiore destro in cui i permanenti stanno iniziando il loro tragitto eruttivo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here