LA PREVENZIONE

0
219

COME SI DIAGNOSTICANO LA CARIE E MALATTIA PARODONTALE

Carie.

Autodiagnosi.

In genere la diagnosi precoce è impossibile, ma comunque talora i segnali precoci sono:
Sensazione di freddo, sensibilità ai denti (non sempre però c’è questo allarme).
Buco in un dente (ma la carie è presente allora già da tempo).
Intasamento alimentare tra due denti (ma la carie è presente allora già da tempo).
Il filo si rompe passandolo tra i denti (la superficie irregolare del dente cariato funziona da seghetta).
Dolore continuo, specie sdraiandosi di notte (siamo già alla pulpite, cioè la carie ha già interessato il nervo, e lo sta uccidendo)
Sensazione di dente alto schiacciando i denti (la carie, ha già ucciso il nervo e si è sviluppato un  granuloma nell’osso sotto alla radice, con infezione ascessuale). In questi casi il dolore aumenta col caldo, e si riduce col freddo. Tutto è più estesamente descritto nella sezione Terapie: Endodonzia
Dall’odontoiatra.

mediante un accurato sondaggio della superficie masticatoria e approssimale, con specillo a punta (si possono sondare carie di livello microscopico che il paziente non può autodiagnosticarsi), in occasione delle sedute di Igiene Orale Meccanica Professionale (IOMP), effettuato semestralmente e mediante il rilievo di radiografie Bite Wing effettuate a cadenza biennale ( si possono vedere carie di livello microscopico che il paziente non può autodiagnosticarsi).

Malattia parodontale.

Autodiagnosi.

In genere impossibile la diagnosi precoce, fatta eccezione per la gengivite nella quale arrossamento sanguinamento spontaneo o allo spazzolamento di denti sono evidenti, ma la <a href=”http://www.salute.gov.it/portale/temi/p2_6.jsp?lingua=italiano&id=725&area=Sorriso%20salute&menu=patologie”>malattia parodontale</a> profonda (distruzione dell’osso di sostegno, cioè la insorgenza delle tasche parodontali) è diagnosticabile nelle fasi iniziali solo dall’Odontoiatra. Ma comunque nelle fasi più avanzate:
Ascesso parodontale (nella tasca parodontale).
Denti vacillanti (la distruzione ossea è già talmente avanzata che il tessuto osseo non sostiene più adeguatamente i denti).
I denti, specie gli incisivi superiori, si spostano (in avanti).

Dall’odontoiatra.

mediante il Sondaggio parodontale. Si valuta cioè, sondando con sonda smussa millimetrata attorno al dente, se la sonda scende fra dente ed gengiva/osso, oltre i 4 millimetri (tasca oltre il livello di guardia), e il sanguinamento gengivale. Il sanguinamento gengivale (spontaneo, oppure spazzolando, oppure al sondaggio), la valutazione radiografica, a cadenza biennale nei casi a rischio.

Questi argomenti sono trattati più approfonditamente in A12. Igiene Orale Meccanica Professionale (IOMP).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.