L’innesto gengivale.

0
700

Prelievo di gengiva dal palato. Le due immagini illustrano una delle applicazioni dell’innesto gengivale.
Esistono due tipi di mucose: una aderente e una libera.
Quando la gengiva aderente viene a mancare (figura in alto) si va a depositare un frammento di gengiva prelevata dal palato (immagine in basso si può notare una banda orizzontale più chiara). Altra indicazione di un innesto gengivale libero é la gengiva che si ritira (riassorbimento) lasciando scoperta una parte della radice.
Ciò può causare inestetismo e ipersensibilità al caldo e al freddo. Per eliminare il problema é possibile prelevare un frammento di gengiva (fibromucosa) dal palato, e fissarla con punti delicati sull’area da trattare.
La tecnica ha l’inconveniente di esporre un’ampia ferita sul palato. Per eliminare il fastidio si é pensato di prelevare dal palato tessuto solo tessuto connettivo (interno alla gengiva); questa tecnica permette di suturare la ferita sul palato e di posizionare il lembo di connettivo sulla zona da riparare. Negli ultimi tempi si sta pensando all’ innesto di tessuto connettivo animale (eterologo) che evita completamente il fastidio dell’intervento sul palato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.