PRP/Rialzo del seno mascellare

0
316
odontoiatra.it, rialzo seno mascellare, prp
odontoiatra.it, rialzo seno mascellare, prp

Si è arrivati ad una conclusione per mezzo di una ricerca che, nel rialzo del seno mascellare, il PRP, non migliora la sopravvivenza implantare.

Sono stati valutati gli effetti sulla formazione di nuovo osso e sulla sopravvivenza degli impianti del plasma arricchito di piastrine (Prp) in combinazione con l’innesto osseo nel rialzo del seno mascellare.

I risultati emersi stabiliscono che, l’innesto unito al Prp non possiede alcuna influenza, non produce la formazione di tessuto osseo nè migliora la sopravvivenza degli impianti.

Il trattamento rigenerativo con il Prp era stato proposto insieme all’innesto osseo nella speranza che questa combinazione aiutasse i naturali processi di guarigione, grazie all’elevato contenuto di fattori di crescita piastrinici del Prp. Risultati promettenti erano emersi da alcuni studi, ma in molti altri non si erano notati benefici.

E’ necessario prendere in considerazione tutti i contributi scientifici per poter chiarire la questione, la ricerca è stata ampliata, svolgendo una ricerca più approfondita. Alla luce dei risultati provenienti da 17 studi utili per fare un’analisi qualitativa e di 13 per una più precisa in termini quantitativi; questi ultimi hanno preso in esame complessivamente 369 pazienti dall’età media di poco più di 50 anni per una valutazione di 621 interventi di rialzo del seno mascellare. Successivamente a una prima analisi dei dati, ne sono state fatte altre che non hanno rilevato differenze significative nel Quoziente di stabilità implantare (Isq), nella Perdita di osso marginale (Mbl), nell’altezza dell’osso alveolare, nella sopravvivenza dell’impianto o nella formazione ossea.

L’utilizzo di Prp si è dimostrato utile per la rigenerazione ossea in altre situazioni odontoiatriche, tuttavia questo effetto positivo non si è verificato quando il concentrato piastrinico viene utilizzato in associazione con l’innesto nell’intervento di elevazione del pavimento del seno mascellare per scopi implanto-protesici.

In ogni caso il Prp potrebbe essere utilizzato per rendere più semplice la manualità degli innesti di particolato, per migliorare la stabilità dell’innesto stesso dopo il rialzo del seno, garantendo una guarigione più veloce, ed eliminando al paziente stesso disagi e fastidi che possano produrre dolori.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here