Ridurre il carico batterico presente nel cavo orale

0
345
odontoiatra.it, batteri orali
odontoiatra.it, batteri orali

 

L’igiene orale è fondamentale, però è anche fondamentale saperla praticare bene. I collutori sono delle soluzioni medicamentose per l’igiene del cavo orale, di supporto alle tecniche d’igiene degli elementi dentari e delle mucose.
E’ noto ormai che l’utilizzo dei collutori migliora l’indice di flogosi gengivale e riduce la quantità di placca batterica sia sulle superfici dentarie che sulle mucose. A seconda degli ingredienti che contengono i collutori orali possono essere usati sia per ridurre il carico microbico nella cavità orale, nei casi di gengivite e per controllo della placca sopragengivale nei casi di interventi chirurgici e parodontali, come estrazioni o inserimento di impianti (prima e dopo il trattamento), sia a livello “cosmetico”, sostanzialmente per rinfrescare l’alito. La mucosa orale viene a contatto con il collutorio quando si eseguono i risciacqui; in particolare nei casi di lesioni il collutorio viene a contatto anche con il tessuto connettivo gengivale sottostante, ecco perché è bene sapere se i prodotti possano avere degli effetti citotossici. Anche se raramente riportati in letteratura, gli effetti collaterali derivanti dall’uso dei collutori sussistono e possono riguardare anche reazioni allergiche vere e proprie. Le formulazioni standard dei collutori sono integrate con clorexidina digluconato, etanolo, oli essenziali e detergenti. Possono contenere anche glucocorticoidi anti-infiammatori e aloe vera, anestetici come lidocaina e morfina, nistatina antifunginea, antistamina difenildramina e antimicrobici vari. Possono anche essere contenute sostanze chimiche, quali la glicerina come umettante, il benzoato di sodio come tampone, aromi, coloranti e emulsionanti che servono come stabilizzatori. A causa del complesso cocktail di sostanze contenute generalmente nei collutori ben poco si sa, di sperimentato scientificamente, sulla citotossicità e sull’attività antimicrobica degli stessi. La clorexidina è un potente antibatterico che ha particolare efficacia su microrganismi come Actinomyces naeslundii, Veillonella dispar, Prevotella nigrescens, e gli streptococchi. La clorexidina CHX si è visto che possiede anche una certa citotossicità per i fibroblasti gengivali umani come riportato da John et al. nel 2014. L’etanolo è parzialmente efficace contro i microrganismi orali e nello specifico ha mostrato un’attività antimicrobica contro le cellule planctoniche di Streptococcus mutans sulla superficie dei bracket ortodontici. Il sodio dodecil solfato invece è un detergente senza attività antibatterica riportata e gli altri componenti, come pegilati idrogenati e oli, sono detergenti utilizzati nell’industria cosmetica con nessuna attività antibatterica riportata [Jang 2015], ma con un impatto negativo sulla vitalità dei cheratinociti [Maupas 2011]. Anche il cloruro di cetilpiridinio, che ha una certa attività antimicrobica, ha un impatto negativo sulla vitalità del fibroblasto L929 [Fromm-Dornieden 2015]. In un recente studio pubblicato su BioMed Research International Volume 2017 vengono presi in considerazione gli effetti antibatterici e la citotossicità di alcuni collutori orali. Tre differenti linee cellulari, inclusi fibroblasti gengivali primari, cellule epiteliali e cellule L929, sono state esposte a una dozzina di differenti collutori. Gli effetti antibatterici sono stati studiati utilizzando cinque diversi microrganismi orali associati a malattia parodontale (Actinomyces naeslundii, Streptococcus gordonii, Porphyromonas gingivalis, Fusobacterium nucleatum e Tannerella forsythia).

I collutori testati sono stati i seguenti:                                                                    -Mundsp¨ulung Hauschka (etanolo)
-Emofluor (sodio dodecil solfato, fluoruro di sodio 250 ppm)
-Parodentosan oral rinse Tentan (0.05% clorexidina, etanolo)
-Listerine Total Care Johnson & Johnson (etanolo, sodio dodecil solfato, olio idrogenato)
-Tebodont Mundsp¨ulung Dr.Wild (olio idrogenato)
-Dontodent dm-drogerie markt (Cocamidopropil- betadine)
-Meridol GABA (olio idrogenato, fluoruro di sodio 250 ppm)
-Meridol med GABA (0.2% clorexidina)
-Sensodyne GlaxoSmithKline (etanolo, olio idrogenato, cetylpyridinium chloride, fluoruro di sodio 217 ppm)
-One drop only One Drop Only (olio idrogenato, cetylpyridinium chloride)
-Elmex sensitive professional GABA (olio idrogenato, fluoruro di sodio 250 ppm)
-Elmex professional erosion (olio idrogenato, Cocamidopropil- betaina, fluoruro di sodio 500 ppm).

Risulati. Le cellule sono rimaste tutte vitali dopo l’esposizione a collutori orali utilizzati solo per scopi cosmetici. Effetti citotossici moderati sono stati osservati per collutori contenenti 0,05% di clorexidina, etanolo o olio di ricino idrogenato pegilato e dodecil solfato di sodio. Altri risciacqui orali contenenti 0,2% di clorexidina e cocamidopropil betaina hanno mostrato una forte attività citotossica e antimicrobica. Forte citotossicità ma moderata attività antimicrobica sono state notate nei collutori contenenti cloruro di cetilpiridina. I dati in vitro di questo studio mostrano che i rischi orali sono eterogenei e che è bene che l’odontoiatra conosca gli effetti citotossici dei collutori che prescrive.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.