Sedazione cosciente (parte terza)

0
387

Negli Stati Uniti, le cure dell’ansia e del dolore nonchè l’educazione, la ricerca, la valutazione del rischio in odontoiatria e le corrispondenti norme sono in larga misura contenute nell’ADA’s Guidelines for Teaching the Comprehensive Control of Pain and Anxiety in Dentistry, la cui prima edizione risale al 1970. Esse includevano, fra l’altro, le seguenti affermazioni: “L’ADA vuole contribuire con determinazione alla corretta applicazione, da parte degli odontoiatri qualificati, della sedazione cosciente, della sedazione profonda e dell’anestesia generale”. Inoltre, l’ADA informava che: “essa si impegna a garantire che il ricorso a tali tecniche sia sicuro ed efficace”. Le linee guida dell’ADA, sottoposte nel tempo a importanti revisioni, affermavano, fino ai documenti intitolati ADA’s Guidelines for the Use of Sedation and General Anestesia by Dentists. As adopted by October 2007 ADA House of Delegates e ADA Policy Statement: The Use of Sedation and General Anesthesia by Dentists. As adopted by the October 2007 ADA House of Delegates, che i metodi di controllo dell’ansia e del dolore consistevano nell’analgesia, anestesia locale, sedazione cosciente, sedazione inalatoria-enterale, sedazione profonda e anestesia generale. Le linee guida statunitensi non attribuiscono, tuttavia, l’esecuzione delle tecniche di anestesia generale a medici specialisti in Anestesia come nella tradizione anglosassone. Secondo quanto specifica l’ADA, infatti, gli odontoiatri che intendono ricorrere all’anestesia generale devono acquisire conoscenze ed esperienza oltre il periodo della laurea (o periodo predottorale) e devono essere riconosciuti dalla Commission on Dental Accreditation (CODA), la quale garantisce che il percorso formativo effettuato risulti adeguato a eseguire tale tecnica. Gli odontoiatri che seguono un percorso istituzionalizzato, pratico e formativo in Anestesia Generale possono frequentare alcune universita fra cui quelle di Pittsburg, di Loma Linda e di Los
Angeles nelle quali esiste un dipartimento separato di anestesia presso una scuola di Odontoiatria.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.